pantone mod Eva 2

E’ il diario di Marika Lion, il suo quotidiano allenamento con parole sussurrate. Ama scrivere e fotografare, il resto è solo un racconto d’immagine della sua anima.

Tutto dedicato ad un libro mai editato “avrei voluto la luna”.

Annunci

In ogni canile c’e un Beethoven da adottare

animalista

Ho visto una bambina piangere, i genitori ritenevano che la causa dei suoi ripetuti silenzi fosse il cane, quel cane che amava moltissimo. Per lui suonava dolci melodie alla chitarra, ma sempre più si ritirava in un angolo buio della casa e abbracciava il suo unico amico, Beethoven (il suo cagnolino).

Il rapporto con i genitori divenne difficile al punto che loro (i genitori) decisero di portare Beethoven al canile senza tante spiegazioni; non si chiesero perché Sofie si stava comportando in quel modo.

Ed é così che lei, un giorno, scappò da scuola e si nascose nel sottoscala di una vecchia abitazione dove vi rimase fino a sera, fino a quando in lei non esplose un senso di ribellione; tornò a casa e, mentre sua madre e suo padre la rimproveravano, si mise retta in piedi con la chitarra in mano e iniziò a comporre la sua storia. Continua a leggere “In ogni canile c’e un Beethoven da adottare”

Condividere il silenzio: il miglior ascolto

Quando tra due persone esiste una vera comunione intellettuale o spirituale, non é necessario mettere sempre i puntini sulle “i”.

Invece di battere e controbattere le diverse opinioni, perché, piuttosto, non abbassare le luci e ascoltare una suite di Bach o scoprire confidenze scritte in un diario mai letto.

Nell’ascoltare insieme diventiamo più sensibili ognuno dell’umore dell’altro: e più di una volta alla fine possiamo scoprire che non esiste più alcun contrasto.

Continua a leggere “Condividere il silenzio: il miglior ascolto”

La vera felicità non può essere costruita

ABCF35E9-ACD9-4AEB-A4F6-A5043D75F74D

Si può raccontare del mondo come fosse proprio, si può cantare di essere i migliori, si può vantare di conoscere tutto, si può pensare di comperare i sentimenti, si può girare il mondo per non vedere nulla, si può tradire se stessi per orgoglio, si può non vedere la vita nella sua realtà.

Si può viaggiare alla ricerca della felicità senza trovarla.

Si può raccontare al mondo che non si é soli, si può sorridere ai propri difetti, si può vantare di voler imparare, si può pensare di poter essere amati, si può chiedere al cielo stellato di indicarci la via, si può essere felici di umiltà, si può vedere la vita per ciò che dona.

Si può godere di un posto migliore senza averlo mai preteso.

Continua a leggere “La vera felicità non può essere costruita”

La liricità dell’emozione

A16768DF-D970-4DC7-B8E6-0D8646657F76

Come declinare l’emozione quando é soprattutto il corpo, la mente e il pensiero a esprimere il suo significato?

Le parole non servono a raccontare ciò che si può provare per un sentimento, ciò che gli occhi vedono, ciò che si crede di riconoscere, ciò che per un istante può sembrare un sogno o semplicemente un gioco.

Quel gioco che cerca di vivere nel suo narrare e che può svanire se non si riesce a custodire il segreto dell’emozione, ma che potrebbe invece, continuare a vivere per sempre come le note scritte di una musica per arpa.

L’emozione che viene vissuta con la sola euforia ha un solo destino, spesso breve, quasi lo si voglia predefinire e giustificare in una preciso arco temporale e spesso giá prevederne la sua fine: come volere attribuire alla passione un significato di temporale fragilità. Ecco che essa non può che sfumare ed diventarne subito il suo ricordo e il rimpianto della sua desiderata brevità. Continua a leggere “La liricità dell’emozione”

Il profumo della carta al mattino

IMG_4363

Abbiamo dimenticato la bellezza di andare all’edicola di primo mattino e sbirciare sui titoli di copertina dei quotidiani, tutti riposti e piegati come cartamoneta di un unico portafoglio.

Abbiamo dimenticato il gesto di ricevere nelle mani quei fogli sporchi d’inchiostro e sentire il loro profumo appena impresso dalle rotative che avevano lavorato tutta la notte.

Abbiamo dimenticato che dietro ad ogni parola, ci sta ancora il pensiero di un uomo o di una donna ,che ogni giorno si dedicano a scrivere le notizie provenienti da tutto il mondo. Continua a leggere “Il profumo della carta al mattino”

La Musique

musica

La musique souvent me prend comme une mer!

Vers ma pâle étoile,

Sous un plafond de brume ou dans un vaste éther,

Je mets à la voile;

La poitrine en envant

La poitrine en envant et les poumons gonflés

Comme de la toile,

J’escalde le dos des flots amoncelés

Que la nuit me voile;

Je sens vibrer en moi toutes les passions

D’un vaisseau qui souffre;

Le bon ven, le tempête et ses convulsions

Sur l’immense gouffre

Me bercent. D’autres fois, calme piat, grand miroir

De mon désespoir.

Continua a leggere “La Musique”