Antonio Calabrò – la lezione illuminista di Sciascia per capire meglio la nostra società

I francesi riprendono in mano “Il trattato sulla tolleranza” di Voltaire e riflettono criticamente sulle questioni della convivenza, della libertà, delle relazioni tra diritti e doveri e sulla lezione dell’Illuminismo prima che venisse degradato dalla deriva giacobina e la cultura della convivenza e del rispetto basata sulla razionalità umiliata dalla deificazione della Ragione. Noi italiani, utilmente, potremmo rileggere anche le opere di Beccaria, dei fratelli Verri, dell’abate Galiani o, per restare a pagine più vicine ai nostri tempi, di Leonardo Sciascia. E’ proprio lui, infatti, lo scrittore italiano che… Continua a leggere “Antonio Calabrò – la lezione illuminista di Sciascia per capire meglio la nostra società”

Un composizione che parte dall’antica Grecia: Marco Betta

Conosco da poco Marco Betta e già mi sembra di avere con lui un dialogo che dura da ore, da anni. Ascolto la sua voce come un narrare di un vecchio amico che non sento da tempo e ne vengo affascinata per il suo intercalare di elementi narrativi così armonici tra loro da sembrare veramente una composizione di uno cantastorie. Stranamente non scrivo nulla sui fogli e cerco di seguire il suo “filo” perfettamente nitido nei ricordi, nelle immagini, nell’esaltare la sua poesia d’animo e non mi preoccupo se poi dovrò trascrivere l’intervista, perché sono già così certa che anche senza alcun appunto, l’armonia di suoni e delle parole che Marco è riuscito a trasferirmi, comporranno perfettamente le frasi che scorrono già tra le mie dita…

Con un risentirci a presto, forse alla presentazione del “Casanova” a Napoli, concludo il mio bellissimo dialogo con il compositore, autore non di opere ma di un grande libro che raccoglie le musiche più belle che la mente già custodisce segretamente e per sempre in quell’ “album di fotografie di Marco”.

l’intervista completa

Come negli “Asolani” di Pietro Bembo

Una giornata di primavera, scendo verso la valle percorrendo un piccolo foresto, sotto il castello della regina Cornaro e della sua corte letteraria del ‘500. Il fascino perdura e la mente va oltre, oltre un muro a sassi e rose inglese che fanno da inchino, si apre un cancello e la vista percorre le colline, i cipressi che incorniciamo il panorama. Il silenzio è ovattato e canticchiato dalle prime cicale, il sole è biancastro e il profumo dell’infanzia si fa vivo, ricordi e odori che solcano la memoria.

Ritorno ad Asolo, mio luogo natio, per un’intervista, è Kristian Buziol ad attendermi, cortesissimo nel suo parlare, saggio per la sua ancora giovane età, innamorato della vita che lo circonda, della natura e della sua lentezza, della sua Lorella e dei suoi cinque levrieri. Un mondo che percorre la letteratura di Pietro Bembo  nella sua opera prima “Asolani”: un amore platonico che avvolge e sorprende chi passando per questa città scopre di esserne stato catturato per sempre.

Segue intervista

Stefania Sammarro in un teatro silenzioso

Dal cinema muto nasce l’ispirazione di una giovane fotografa, nata e cresciuta in Calabria, terra da lei molto amata. Ed è qui che ripercorre nella sua ricerca fotografica il concetto e il dubbio se esiste davvero l’amore, un amore mai consumato. Un sentimento evocativo, illusorio e ancora di più, il migliore testo per la sceneggiatura della vita. Immagini femminili ambientate in luoghi fatiscenti dimenticati da “Dio” tra drappi barocchi e riflessi su vetri rotti e sguardi nascosti dentro la polvere e luci da palcoscenico di uno spettacolo terminato. Fotografia irreale e teatrale da film muto degli anni ’30…è ciò che meglio sa interpretare Stefania Sammarro in arte Ania Lilith.

l’intervista Continua a leggere “Stefania Sammarro in un teatro silenzioso”

Bruno Sanfilippo e le melodie che richiamano nostalgici pensieri argentini

Bruno Sanfilippo è un musicista-pianista nato a Buenos Aires 50 anni fa, trasferitosi a Barcellona nel 2000 inizia una nuova carriera, ed è così che la sua musica comincia a prendere un diverso significato. Ispirato dall’ambiente costruisce melodie capaci di trasportare la mente oltre ogni confine, ma leggendo tra le righe o meglio cercando di farsi coinvolgere dalle sue note, non è poi così difficile comprendere una certa influenza per la musica argentina. Quando ho avuto modo di conoscerlo ho capito che condividevo con lui qualcosa di sottile…quel desiderio inconscio di sublimare la vita.

Qui tutta l’intervistaContinua a leggere “Bruno Sanfilippo e le melodie che richiamano nostalgici pensieri argentini”

Elvira Leone Fashion and Art Photograph

La sua storia per alcuni versi simile ad altre, una laurea all’Università di Napoli, la ricerca di un lavoro e poi come spesso succede, la scelta di raggiungere il Nord per trovare nuove opportunità. Oggi risiede assieme al marito in una piccola cittadina di provincia del Nordest, ed è qui che comincia a rielaborare i suoi pensieri, strutturarli, renderli visibili attraverso l’obiettivo di una macchina fotografica. Continua a leggere “Elvira Leone Fashion and Art Photograph”

Elle Venturini – arte e moda come pagine di un libro

Ho voluto intervistarla proprio per riuscire a scovare quel quid in più che la rende così contemporanea e così saggia da rimanere sempre propositiva e grintosa anche se consapevole che in questo momento tutto il mondo, e perciò anche l’Italia, sta vivendo una crisi epocale.

Elle Venturini nasce in Friuli, fin da bimba comprende che il suo mondo è quello della creatività, che ama osservare nelle forme degli abiti della mamma e della nonna. Si laurea in Architettura a Venezia con Carlo Scarpa e da qui forse la nascita di certe linee che contraddistinguono un po’ tutto il suo successivo percorso creativo. Continua a leggere “Elle Venturini – arte e moda come pagine di un libro”