Polvere di stelle negli occhi a mandorla

In una notte stellata con la luna quasi piena ero in viaggio di ritorno e osservava nel cielo quella grande stella, tanto luminosa che sembrava volesse indicarle la strada, non si discostava mai e ad ogni sguardo s’illuminava al punto da accecare quello sguardo smarrito ed impaurito da un buio calato all’improvviso.

Il pensiero correva veloce quasi volesse cancellare per sempre gli ultimi mesi trascorsi alla finestra nell’assistere chi di paura né aveva molta di più, perché senza speranza.

Nessun rumore e nessun silenzio, la notte compariva come qualcosa oltre l’immaginario, mentre l’orologio avanzava la sua corsa verso il giorno a venire.

Il ricordo di lei si trasformò in una polvere di stelle, il suo sguardo magico è ancora lo stesso, profondo come l’immortalità e morbido come quello di un cerbiatto.

La strada era ancora molta da fare, poi improvvisamente un bagliore, una via Lattea appare come in un zodiaco e il respiro si ricompone in un carillon: ogni suo movimento diventa una danza, elegante e armoniosa, la stella scompare e torna il giorno, ma i suoi occhi brillano ogni notte nella luna.

A mia madre.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...