1518/2018 cinquecento anni di Mandragola

C9B76E4F-4328-4932-94AB-D4E4DEB62A95

Callimaco è un giovane innamorato di una nobildonna, Lucrezia, e chiede aiuto a Ligurio, un suo amico, per riuscire a conquistarla. Lucrezia è, però, sposata con facoltoso medico, messere Nicia, molto più vecchio di lei. Quest’ultimi non hanno ancora avuto un figlio dopo anni di matrimonio ed il medico è ormai convinto della sterilità della moglie. Ligurio prende al balzo la situazione per inscenare un tranello al marito credulone e consiglia Nicia di consultare un famoso medico di nome Callimaco, conosciuto anche a Parigi. Callimaco in quest’incontro spiega a Nicia che ha inventato una pozione di mandragola che farà diventare fertile la moglie se costei la berrà. Purtroppo però il primo uomo che passerà la notte con la donna che ha assunto la pozione morirà, quindi se Lucrezia dovesse bere la mandragola dovrebbe giacere con uno sconosciuto preso per strada per non uccidere il marito. Nicia nonostante tutto accetta e porta la pozione di Callimaco alla moglie. Ligurio riesce anche a corrompere un frate che convince Lucrezia, e la madre, che passare una notte d’amore con uno sconosciuto, per tale fine, non è peccato. Per concludere l’inganno Ligurio organizza un rapimento e viene rapito un uomo robusto e giovane, che è proprio Callimaco che in questo modo riesce a passare la notte con la sua amata.
La mattina seguente svela il tranello e il suo amore per lei a Lucrezia, che credendo tutto ciò il segno di un volere divino accetta di diventare amante abituale del ragazzo, che viene anche accolto in casa da Nicia, soddisfatto dal lavoro compiuto. In questo modo potrà continuare indisturbato la sua relazione segreta con Lucrezia.

Questa commedia scritta nel 1518 da Machiavelli è ambientata nella Firenze del 1494 circa, ha messaggi abbastanza chiari. Il primo che emerge è la costante presenza di corruzione della propria etica per il denaro o per fini propri.

Callimaco è pronto ad utilizzare l’inganno e la forza per realizzare i suoi scopi;

Ligurio promette soldi ad un frate per corromperlo e convincerlo a dire falsità a Lucrezia e la madre;

Nicia, poi, dice di esser pronto ad uccidere per fini propri.

Macchiavelli accusa quindi l’immoralità e la corruzione dei propri personaggi e quindi della propria epoca e società, ma allo stesso tempo ne ammira le virtù: elogia la furbizia e l’astuzia di Ligurio che sa prendere decisioni senza titubare;

la stessa Lucrezia, alla fine, è considerata un personaggio dinamico che s’impegna per vivere al meglio una situazione che si è creata. Dopo la notte passata con Callimaco, infatti, prende tutto l’inganno come un volere divino e lo accetta anche per il tempo a seguire.

Cinquecento anni di Mandragola.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...