Trasgressione: Uzma Aslam Khal

La trasgressione in un paese come il Pakistan, un amore che va contro gli eterni conflitti tra tradizione e ribellione, sommossa, legge e cuore. La storia di “Dia” nel ricordo di suo padre Mr. Mansoon in quella terra “florida in natura” quella stessa terra in cui il corpo straziato di suo padre viene trascinato dall’Indo, da una riva all’altra dei villaggi lungo il fiume. La terra in cui i resti crivellati di pallottole di suo padre sono tratti a riva dal fiume come un frutto marcito. Dove gli anziani con i bastoni che affondano nella melma del fiume raccontano che quello è il mondo dove le disgressioni portano tutte alla stessa via. Ma Dia vuole alzare la sua voce, come la stessa madre implora per una vita fatta d’amore. Una voce che risuona come una corda impazzita in un mondo che suona da secoli tutt’altra canzone.

Dia era seduta sull’erba, con la schiena appoggiata al gelso dove suo padre si era rifugiato la notte precedente alla sua morte. Continua a leggere “Trasgressione: Uzma Aslam Khal”