Virginia Woolf – fragili pensieri, profonde lettere, inerrarrabili storie in una grande scrittrice

Virginia Woolf, scrittrice, saggista e attivista britannica del movimento politico e sociale britannico “Fabianesimo” è stata sicuramente l’antesignana della presenza femminile nel mondo della cultura. Militante di questo pensiero, scrisse a riguardo due importanti saggi, “Una stanza tutta per sé” e “Le tre Ghinee”, denunciando come la condizione femminile fosse ostacolata e repressa dalla cultura maschile dominante del tempo. Intelligenza, sensibilità e propensione letteraria la portarono ad esprimersi e a scrivere combattendo tra stati di amore e odio verso la vita. Un esempio di fragilità e di solida capacità letteraria che per lei rappresentava motivo di vita e pulsione alla morte. La malattia la portò a scegliere l’abbandono (il suicidio), negando anche la sua unica passione: la scrittura (unica controversa e adorata forma di vita per chi ama veramente scrivere).

Se la vita ha una base su cui poggia, allora la mia senza dubbio poggia su questo ricordo. Quello di giacere mezzo addormentata
e mezzo sveglia, sul letto nella stanza dei bambini a St. Ives, Di udire le onde frangersi, uno,due, uno,due, dietro la tenda gialla. di udire la tenda strascicare la sua piccola nappa a forma di ghianda sul pavimento quando il vento la muove. E di stare sdraiata a udire gli spruzzi e vedere luce e pensare: sembra impossibile che io sia qui…” (Virginia Woolf – immagini del passato in Momenti di essere)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...