Scrivere romanzi è un atto di rivolta contro Dio, contro quell’opera di Dio che è la realtà

Mario Vargas Llosa, Nobel per la letteratura nel 2010. Peruviano, opinionista, drammaturgo, scrittore che nei suoi libri esplora la vita sociale e politica del suo Paese. Oltre 30 romanzi, molti lavori teatrali e diversi saggi, tutti analizzati con diversi e continui punti di vista. Una lettura profonda e piena da parte di un grande scrittore di un nuovo rinascimento culturale ostile a qualsiasi espressione di autoritarismo, capace di farci cogliere tutto quello che non funziona nella società di oggi.

Il fatto è che abbiamo due diverse concezioni del giornalismo. Stavo per rispondergli che si ostinava, ogni volta che io giravo la schiena, a mettere in atto la sua concezione catastrofica del giornalismo ci saremmo ritrovati ben presto sul lastrico, quando comparve sulla soglia del soppalco una sagoma inattesa.

Vestiva di nero, una giacca dall’aspetto molto usato, e la camicia e il cravattino a laccio erano pieni di pillacchere, ma nello stesso tempo, il suo modo di indossare quegli abiti denotava qualcosa di attillato e di composto, come quei gentiluomini delle vecchie fotografie che sembrano imprigionati nelle loro finanziere inamidate, nei loro cilindri così corretti.

Vengo a derubarvi di una macchina da scrivere, signori. Vi sarei riconoscente se mi aiutasse. Quale delle due è la migliore?

(La zia Julia e lo scribacchino)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...